Domande e risposte:


Separazione e divorzio

- La separazione -

La separazione può essere chiesta quando si verificano fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio all'educazione della prole.

Attenua o elide alcuni obblighi matrimoniali, lascia intatti gli obblighi verso i figli.

Può essere chiesta congiuntamente dai coniugi (consensuale) e in tal caso necessita dell'omologa da parte del Tribunale, ha tempi contenuti; 

oppure può essere chiesta da uno solo dei coniugi (giudiziale) in tal caso si apre la procedura che si chiuderà con sentenza del Tribunale.

In ogni caso è necessari al comparizione dei coniugi avanti al Presidente del Tribunale.

Le condizioni di separazione regolano i rapporti di ciascun genitore con i figli e i rapporti di natura economica tra i coniugi. 

- Il divorzio -

Può essere chiesto per cause tassativamente elencate dalla legge, tra cui, la più comune, è la separazione protrattasi per almeno tre anni dalla comparizione dei coniugi innanzi al Presidente del Tribunale nella procedura di separazione. 

Può essere chiesto congiuntamente o da uno solo dei coniugi.

I coniugi devono comparire davanti al Presidente del Tribunale. 

Il Tribunale decide con sentenza. Anche le condizioni di divorzio regolano eventuali rapporti economici tra i coniugi e i rapporti dei genitori con i figli.


Recupero crediti

Quali sono i mezzi predisposti dalla legge per recuperare un credito?

Il primo passo consiste in una lettera di intimazione al pagamento e di costituzione in mora del debitore.

Quindi se il pagamento non avviene, si ricorre al Giudice per ottenere un'ingiunzione di pagamento, fornendo prova del proprio credito.

Il debitore, ricevuta la notifica del decreto ingiuntivo emesso dal Giudice, può pagare entro quaranta giorni.

Nel caso non paghi: o si oppone instaurando un processo vero e proprio; oppure se non si oppone entro quaranta giorni, il decreto diventa esecutivo e il creditore può procedere richiedendo l'esecuzione forzata.